I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Giga gratis per la didattica a distanza

Il governo ed il Ministero dell'Istruzione hanno stretto un accordo con i principali operatori mobili del settore che permetterà agli studenti di utilizzare le offerte di connessione a Internet sottoscritte senza che i giga utilizzati per le lezioni in videoconferenza influiscano sul conteggio totale di quelli a disposizione con il loro abbonamento. La notizia è delle scorse ore e non tutti gli operatori hanno già attivato le offerte promesse, anche se entro pochi giorni l'iniziativa sarà a regime.

TIM
L'operatore non ha ancora rilasciato informazioni su come intende procedere con l'offerta di giga gratis per la ripresa della didattica a distanza, ma in realtà ha già attiva da tempo una soluzione che permette esattamente di fare quanto si prefigge l'iniziativa del governo. Battezzata E-Learning Card, l'offerta si attiva sul sito dell'operatore e prevede giga gratis per 1 anno sulle principali piattaforme di E-Learning, come Google Suite for Education, Microsoft Office 365 Education A1, WeSchool, Skype, Zoom, Amazon Chime, Cisco WebEx, GoToMeeting, Jitsi Meet e Axios.

Vodafone
Vodafone ha aderito all'iniziativa a partire da mercoledì 18 novembre, con una riedizione dell'offerta Vodafone Pass Smart Meeting già sperimentata con successo durante la prima ondata dei contagi. La durata è di 3 mesi, durante i quali sarà possibile fare videoconferenze e meeting online senza che il traffico dati consumato incida sul totale di quello a disposizione degli utenti; per attivare l'offerta basta cercarla nell'area Fai da te del sito di Vodafone o nell'app MyVodafone, mentre le app supportate sono Google Meet, Skype, Zoom, Microsoft Teams, Google Classroom, GoToMeeting, WebEx, Amazon Chime, WeSchool e Slack.

WindTre
WindTre, che ha risposto positivamente alla richiesta del governo, non ha ancora attivato un'offerta di giga gratis per la didattica a distanza. I dettagli verranno diffusi probabilmente nelle prossime ore o nei prossimi giorni, ma si può immaginare che l'offerta si articolerà in modo simile a quelle delle aziende concorrenti –  ovvero con il supporto delle piattaforme più utilizzate per un periodo di tempo relativamente esteso; la disponibilità è prevista per l'inizio di settimana prossima, ovvero a partire da lunedì 23 novembre.

 

ULTIMO AGGIORNAMENTO GIOVEDI' 19 NOVEMBRE 2020