I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Circ. n.46 - attivita PCTO

Circolare n. 46

Lodi, 13-10-2021

Alle famiglie

Agli studenti

Ai docenti

 

Oggetto: attività di PCTO e addendum

 

Si informano gli studenti e le loro famiglie che l’Istituto, relativamente alle attività di PCTO (Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento, ex alternanza scuola lavoro), al contrario del precedente anno scolastico durante il quale si è scelto di svolgere tutte le esperienze in modalità online e/o presso la scuola, dal presente anno scolastico 2021/2022, in un quadro epidemiologico di minor rischio, si è deciso di riavviare la proposta di stage presso aziende del territorio. Le attività di PCTO in un Istituto tecnico moderno e d’avanguardia come il Bassi rappresentano un elemento imprescindibile per la preparazione professionale e la crescita personale di ciascuno studente.

In particolare il “Piano scuola 2021/2022” predisposto dal Miur per l’avvio del nuovo anno scolastico prevede:

“Ferma la potestà organizzativa delle attività di PCTO in capo alle istituzioni scolastiche, secondo procedure e modalità che si ritengono oramai consolidate, si sottolinea la necessità che le medesime procedano a verificare, attraverso l’interlocuzione con i soggetti partner in convenzione o convenzionandi, che nelle strutture ospitanti gli spazi adibiti alle attività degli studenti in PCTO siano conformi alle prescrizioni generali e specifiche degli organismi di settore e consentano il rispetto di tutte le disposizioni sanitarie previste”.

Proprio nell’ottica di garantire ad ogni studente la sicurezza necessaria allo svolgimento dello stage in azienda, l’Istituto Bassi ha integrato la convenzione scuola – azienda con un addendum in cui l’ente accogliente garantisca la piena sicurezza dell’alunno.

 

Si riporta nel seguito l’addendum citato:


PREMESSO CHE

Ai tirocinanti si devono applicare gli stessi protocolli di sicurezza definiti a livello nazionale tra le Parti sociali e condivisi normativamente dal Governo con il DPCM 26 aprile (Allegato 6, cfr. Contenuti correlati), integrati - in base ai livelli di rischio - dai documenti tecnici dell’INAIL previsti per il settore, l’attività e il luogo di lavoro ove è esercitata l’esperienza formativa in tirocinio.

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE:

La Convenzione PCTO, prot. n…… del…/……/............. viene integrata nel seguente modo

Art.1 Prima dell’attivazione o riattivazione in presenza di un tirocinio è necessario garantire:

  1. la presenza, in base alla normativa vigente, delle condizioni necessarie per lo svolgimento dell’attività lavorativa che costituisce l’oggetto della formazione del tirocinante (e quindi che non vi siano restrizioni all’esercizio dell’attività o alla mobilità, in base ai codici Ateco e alle ordinanze in essere);

  2. la presenza, come richiesto dalle disposizioni governative e dai protocolli di sicurezza, delle condizioni che assicurino adeguati livelli di protezione per lo svolgimento delle attività in azienda da parte dei lavoratori (es. uso di dispositivi di protezione individuale, distanza di sicurezza, diversificazione degli orari ).

Art. 2 L’azienda per poter attivare o riattivare i tirocini è dunque tenuta a:

  1. fornire al tirocinante le prescrizioni previste per la sicurezza sanitaria dai protocolli applicati per i lavoratori;

  2. applicare, per il tirocinante, le stesse misure di carattere sanitario del personale previste dall’Ordinanza regionale 546 del 13 maggio 2020 (cfr. Contenuti correlati);

  3. definire tempi e modalità per lo svolgimento delle attività formative, individuando quelle che è possibile svolgere in modalità "a distanza" (in analogia a quelle svolte dai lavoratori in regime di smart working). Quest'ultima, laddove possibile, risulta preferibile nell'ambito di un mix tra presenza-distanza;

  4. consegnare al tirocinante la dichiarazione dei giorni e l’orario di presenza in sede, per il periodo di durata del tirocinio, che consente anche di giustificare la mobilità del tirocinante per il tragitto necessario a raggiungere il luogo di lavoro per tutto il periodo residuo dell’emergenza sanitaria (questa solo se prevista e resa necessaria dalle norme vigenti nel corso del tirocinio e come eventualmente aggiuntiva alla convenzione di tirocinio).

Art. 3 A tal fine le parti concordano che:

  1. Ogni tirocinante deve rispettare le norme di prevenzione dal contagio da virus Covid-19 come tutela in materia di igiene, salute e sicurezza sui luoghi di lavoro

  2. Per quanto concerne l’“Informazione ai lavoratori” ai sensi dell’art. 36 D.Lgs. 81/08 a carico del soggetto ospitante essa deve affrontare anche gli aspetti inerenti il rischio di contagio da virus Covid-19“ in quanto le informazioni sono strettamente connesse:

  • alla contestualizzazione aziendale del “Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” del 6 aprile 2021

oltre che:

  • alla organizzazione del SPP aziendale compreso l'affidamento dei compiti speciali (primo soccorso e antincendio) a lavoratori interni all'azienda;
  • al rischio intrinseco aziendale

 

Si comunica inoltre che essendo gli studenti equiparati a lavoratori riceveranno un’adeguata formazione in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro. La formazione che dovrà seguire lo studente è regolata dall’articolo 37 del TU (Formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti) e dagli Accordi Stato Regioni del 2011. Due in linea generale dovranno essere i momenti formativi. Il primo Formazione generale, il secondo Formazione specifica, riferita ai rischi e alle caratteristiche del luogo di lavoro che ospiterà lo studente. La prima, come si può evincere dalle FAQ del Ministero dell’istruzione e dalla guida dell’Inail e del Miur Gestione del sistema sicurezza e cultura della prevenzione nella scuola, deve essere assicurata dalla scuola (corso online tramite piattaforma INAIL di 4 ore); la seconda dal datore di lavoro o dalla scuola, previo accordo, se questo non fosse in grado di sostenerla (formazione in presenza fatta da me, 4 ore per rischio basso o 8 ore per rischio medio).

Si ricorda contestualmente che essendo gli studenti in stage assimilati a lavoratori dovranno esibire il greenpass al fine di essere ammessi in azienda. A tal proposito si riporta la relativa FAQ pubblicata sul sito del Ministero. “Gli studenti che si recano nelle strutture dove effettuano i percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento (PCTO) devono possedere la certificazione verde COVID-19”

Gli studenti che effettuano a qualsiasi titolo un’attività lavorativa sono equiparati ai fini dello svolgimento della stessa agli altri lavoratori. In proposito, l’art. 9 septies del decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52, che disciplina l’obbligo del possesso della certificazione verde per chi svolge una attività lavorativa nel settore privato, prevede espressamente, al comma 2, che tale obbligo si applica “a tutti i soggetti che svolgono, a qualsiasi titolo, la propria attività lavorativa o di formazione o di volontariato”.

 

I genitori che volessero avere maggiori informazioni o discutere situazioni particolari relative ai propri figli possono prendere contatto con i referenti di classe indicati in allegato alla presente comunicazione.

Si coglie l’occasione per comunicare alle famiglie che a partire dal presente anno scolastico, l’Istituto Bassi è stato individuato dall’Ufficio Scolastico Provinciale come scuola polo per i PCTO di tutta la provincia di Lodi, a testimonianza della serietà e della professionalità con le quali i nostri docenti organizzano tali attività da ormai quindici anni.

Il Dirigente Scolastico Prof. Fausto Bianchi

Firma autografa sostituita a mezzo stampa ai sensi dell’art. 3, comma 2 del D.Lg. 39/93

 

ALLEGATO REFERENTI PCTO DI CLASSE

 

3 A

Fiorani - Santanocito

4 A

Bubba

5 A

Fiorani

3 B

Marano

4 B

Solare

5 B

Marano

3 C

Solare

5 D

Abbà

3 E

Banderali

4 E

Banderali

3 F

Albertini

4 F

Albertini

5 F

Albertini

3 G

Garbelli

4 G

Garbelli

5 G

Garbelli

5 H

Alberici – Casali

3 L

Chiesa – Orlando - Russo

4 L

Chiesa – Orlando - Russo

5 L

Chiesa – Orlando - Russo

3 M

Sartorio

4 M

Coscia - Sartorio

5 M

Salvarani

3 P

Sartorio

4 P

Sartorio

4 Q

Lanzoni - Chiesa

5 Q

Galmozzi

3 R

Galmozzi

4 R

Galmozzi - Alberici

5 R

Chiesa – Gaballo

3 S

Lanzoni – Pacciano - Picone

4 S

Chiesa – Picone

5 S

Gaballo – Pacciano

3 T

Galmozzi - Giordano

4 T

Galmozzi - Giordano

5 T

Galmozzi - Giordano

 

 

Referenti di istituto: Prof. Fabio Banderali

Referente provinciale scuola polo: Prof. Fabio Banderali

Allegati: